Per trasformare quella piscina di cemento in un biolago abbiamo deciso di utilizzare nell’ampliamento il terreno adibito a prato, operazione necessaria per creare la zona di fitodepurazione e poter mettere a dimora le piante acquatiche: piante altamente ossigenanti quali Elodea canadensis, Iris, ninfee e giunchi che sono le più adatte per purificare l’acqua.

Il lato del perimetro della piscina, confinante l’ampliamento, è stato abbassato, e opportunamente livellato, diventando così lo sfioro della piscina verso la zona di fitodepurazione; mentre due skimmer galleggianti inseriti all’interno della zona piscina serviranno per il ricircolo e la pulizia continua della superficie dell’acqua.

L’impianto esistente è stato completamene eliminato. Ne abbiamo predisposto uno nuovo a circuito chiuso, opportunamente filtrato, in ricircolo continuo alimentato da pompe.

Siamo poi intervenuti a sigillare tutte le fessure presenti nel fondo di cemento e abbiamo predisposto nuovi drenaggi. In corso d’opera ci siamo accorti che il massetto della parete ceduta non era stato riempito a regola d’arte, ecco un ulteriore motivo del cedimento strutturale.


1-Riconversione prima
2-Riconversione progetto
3-Riconversione dopo
View the embedded image gallery online at: http://veraluciani.it/en/blog/piscine-in-cemento-a-volte-cedono

Realizzare un biolago senza cemento comporta criteri di costruzione specifici ma a volte semplici. Per esempio le pareti vengono lavorate a 45° , con questo accorgimento si rende inutile l’utilizzo del cemento. Per il consolidamento delle stesse si utilizza la pala meccanica dell’escavatore.

L’equilibrio biologico è garantito dalle piante acquatiche che, unitamente alla ghiaia, fanno da filtro depurativo; questo modo di purificare l’acqua, in totale assenza di cloro, preserva salute e abbronzatura.

Con il tempo il connubio tra le piante e i microrganismi presenti nell’acqua completa il delicato equilibrio realizzando così un angolo di bellezza naturale dove poter nuotare e rinfrescarsi (come in una piscina tradizionale). Per completare il biolago abbiamo anche previsto una piccola vasca da dove far sgorgare una cascata d’acqua e così dare un ulteriore apporto di ossigeno al sistema.

Il biolago risulta inserito nel contesto naturale del giardino in modo molto suggestivo e soprattutto senza stravolgere l’essenza del paesaggio come con le piscine in cemento e aggiunge un’oasi di relax funzionale all’abitare, ideale per accogliere amici e rilassarsi immersi in un vero ecosistema. Questo spiega il crescente successo dei biolaghi: il grande impatto visivo, l’eccellente risultato naturalistico e paesaggistico unito all’elevatissima eco sostenibilità.